MANUTENZIONE DEL VERDE

manutenzione-verde-1.jpg

MANUTENZIONE DEL VERDE ORDINARIA

manutenzione-del-verde-ordinaria.jpg

POTATURA ALTO FUSTO

potatura-alto-fusto.jpg

POTATURA TREE CLIMBING

tree-climbing.jpg

 

 

Venticinque anni di presenza sul campo ci hanno insegnato che non si nasce giardinieri ma lo si diventa attraverso la competenza, l’esperienza diretta ed un costante aggiornamento professionale.

La visione che usualmente si ha del proprio giardino è di tipo essenzialmente estetico: raramente si è consapevoli che esistono fattori fondamentali come l’esposizione, il tipo di substrato, la presenza di un buon drenaggio, un impianto di irrigazione funzionale, ecc. che, se non armonizzati tra loro, possono compromettere la buona riuscita.
Spesso la scelta è fatta sulla base di criteri principalmente economici mentre è fondamentale eseguire un accurato studio preliminare prima di procedere con gli interventi di manutenzione di un’area verde.

Con la nostra competenza possiamo aiutare il cliente, suggerendogli gli opportuni interventi migliorativi, con l’obiettivo di ridurre i costi manutentivi a regime.

Il sopralluogo da parte di un nostro esperto, realizzato alla presenza al cliente, è indispensabile per capire insieme quale sia la strada migliore da percorrere per ottenere i risultati attesi nel pieno rispetto del budget a disposizione.

La potatura consiste in una gamma di interventi atti a modificare il modo naturale di vegetare e di fruttificare di una pianta.

Si tratta di interventi cesori, di modificazioni di posizione dei rami e di altri interventi quali trattamenti con fitoregolatori che modificano in modo analogo ai tagli l'habitus della pianta o di sue parti, la cosiddetta “potatura chimica”. Pur essendo possibili interventi di potatura sulle piante erbacee (es. cimatura del tabacco), normalmente la potatura è condotta sulle piante arboree da frutto e ornamentali. La potatura è necessaria solo quando si nota nella pianta qualche problema o qualche ramificazione troppo estesa, che può ledere il benessere e la produttività (sia in termini di crescita generale sia in quanto a fiori e frutti). I polloni, ad esempio, vanno generalmente eliminati subito. Ogni pianta ha bisogno di una potatura differente, ed è bene scegliere sia la tipologia sia il periodo migliore per effettuarla.

Così come le lettere dell'alfabeto, opportunamente abbinate fra loro, ci consentono di parlare ed "esprimerci", così le tecniche ed i tipi di potatura, opportunamente combinati fra loro, consentono al potatore di "esprimere" la propria professionalità realizzando corretti interventi cesori nel rispetto delle esigenze dei vegetali e dell'habitat in cui sono posti a dimora.
I concetti generali di potatura che verranno sviluppati riguardano le specie ornamentali in senso lato con un approfondimento particolare verso le tecniche cesorie applicate alle specie di più comune impiego nel verde urbano.
Nell'ambito delle coltivazioni legnose ornamentali, almeno due aspetti devono essere tenuti in considerazione per applicare al meglio i criteri di potatura:

i gruppi con caratteristiche omogenee, in cui è possibile suddividere le specie ornamentali; l'ubicazione dei soggetti che necessitano di potatura.

Il primo aspetto permette di suddividere le specie ornamentali in tre grandi gruppi:

alberi a foglia caduca; alberi sempreverdi: latifoglie e conifere; arbusti a foglia caduca e persistente.

Come si vedrà, ognuno di tali gruppi richiede interventi di potatura ben determinati e spesso sostanzialmente diversi fra loro.
Il secondo aspetto relativo all'ubicazione dei soggetti da potare assume particolare importanza per le specie arboree. Infatti i concetti di seguito analizzati, pur ispirandosi generalmente al rispetto del portamento naturale delle diverse specie ed alla limitazione degli interventi cesori ai casi di stretta necessità, sono indirizzati prevalentemente alla manutenzione delle alberate stradali dove, a causa dei vincoli urbani esistenti, è necessario intervenire in modo più complesso ed articolato.
Considerato infine: l'elevato numero di specie rientranti in ciascun gruppo precedentemente citato;il diverso modo che ogni singola specie ha di estrinsecare ì propri valori estetici ed ornamentali; il diverso portamento naturale che caratterizza ogni soggetto;si è ritenuto opportuno affrontare il tema della potatura facendo riferimento a tre grandi gruppi di specie ornamentali:Alberi a foglia caduca: con approfondimento delle tecniche e dei criteri generali di potatura riferiti in particolare alle alberate urbane.Alberi sempreverdi: (latifoglie e conifere) con riferimento ai criteri generali ed alla manutenzione del patrimonio arboreo di parchi collinari ed aree boscate. Arbusti: con riferimento ai criteri generali, ed approfondimento per le specie di uso più comune all'interno dei vari sottogruppi di appartenenza.